Molto prima che i Conquistadores spagnoli e Cristoforo Colombo tornassero in Europa con storie di pipistrelli che sorseggiano sangue, le comunità europee raccontavano storie di mostri non morti chiamati vampiri.

Ma il pipistrello vampiro stesso non è certo l’agente del male che la sua associazione con Dracula suggerirebbe. Qui ci sono sette cose che non si può avere conosciuto su queste creature.

Non tutti i pipistrelli sono pipistrelli vampiri.

Solo tre delle oltre 1.300 specie di pipistrelli nel mondo sono pipistrelli vampiri: il pipistrello comune (Desmodus rotundus), il pipistrello dalle ali bianche (Diaemus youngi) e il pipistrello dalle zampe pelose (Diphylla ecaudata).

Residenti in America centrale e meridionale, questi sono anche gli unici pipistrelli che consumano sangue — e solo sangue — per cibo e acqua. E a causa della loro dieta ricca di proteine, i ricercatori di pipistrelli vampiri possono localizzare i posatoi dall’aroma pungente di ammoniaca prodotto dalle loro feci.

I pipistrelli sono stati chiamati dopo i vampiri, non il contrario.

Le mitologie dei vampiri esistevano in varie culture in tutto il mondo molto prima che i pipistrelli vampiri prendessero il loro nome.

L’ex ricercatrice di bat Micaela Jemison, che dirige le comunicazioni per Bat Conservation International, ha recentemente viaggiato nella storica regione della Transilvania in Romania. “Piuttosto che Dracula, la gente si preoccupava dei morti che sorgevano e perseguitavano le persone”, ha detto, aggiungendo che la gente avrebbe aperto tombe e messo un paletto attraverso i cuori dei cadaveri o coprire i volti, se i cadaveri fossero sospettati di ” causare problemi.”

I pipistrelli vampiri furono descritti ufficialmente nella letteratura scientifica nel 1810 e documentati da Darwin nel 1839, ma fu l’uscita del 1897 di Dracula di Bram Stoker a solidificare una relazione tra vampiri e pipistrelli nella cultura occidentale.

Gli esseri umani non sono la loro prima scelta per un pasto.

I pipistrelli vampiri possono nutrirsi di quasi tutti i tipi di animali. Secondo Gerald Carter, uno scienziato vampiro-pipistrello con l’Istituto di ricerca tropicale dello Smithsonian, mordono istrici, armadilli, serpenti, leoni marini e persino pinguini. Ma per la maggior parte, si attaccano al bestiame e agli uccelli. Il pipistrello vampiro comune tende a nutrirsi di mammiferi come mucche, maiali e cavalli, mentre pipistrelli vampiri dalle ali bianche e pelose zampe si nutrono principalmente di uccelli come polli addormentati.

Una coppia di pipistrelli vampiri dalle ali bianche si nutrono ai piedi di un pollo. Foto per gentile concessione: Bat Conservation International / J. Scott Altenbach

Un paio di pipistrelli vampiri dalle ali bianche si nutrono ai piedi di un pollo. Foto per gentile concessione Bat Conservation International / J. Scott Altenbach

Detto questo, morsi di vampiro prenderà un morso di esseri umani se data la possibilità. Ma tali casi sono rari. Dormi all’aperto nel territorio di vampire bat e le tue membra sono un gioco equo. “Conosco qualcuno che è stato nutrito da un pipistrello vampiro e non ne era a conoscenza”, ha detto Carter. “Si è appena svegliata e ha trovato un piccolo segno insanguinato sul piede.”

Poiché consumano solo un cucchiaio di sangue, un essere umano adulto è più che capace di sopravvivere a un pipistrello vampiro che si nutre. Ma Carter consiglia vivamente di ottenere un colpo di rabbia, se si scopre che sei diventato un pasto.

Non succhiano sangue.

Data la loro associazione con Nosferatu e i suoi amici, si pensa comunemente che i pipistrelli vampiri succhiano sangue. In realtà, essi giro in su come un gatto. I pipistrelli vampiri – se riescono nella loro caccia-praticano un’incisione indolore vicino a un’arteria usando i loro denti affilati e poi lasciano che il sangue goccioli in una piscina prima di leccarlo.

Jemison suggerisce di ripensare l’analogia vampiro e pipistrello vampiro. “In realtà sarebbe come Dracula che morde l’alluce mentre dormi”, ha detto. “Non avrebbe preso la tua giugulare. Sarebbe un po ‘ come un feticismo del piede, ad essere onesti.”

Vampire bat spit mantiene il sangue che scorre.

Una proteina nella saliva del pipistrello vampiro agisce come un anticoagulante che impedisce al sangue della preda di coagulare e sigillare la ferita. Sostanze simili sono state documentate in sanguisughe e insetti succhiatori di sangue come le zanzare. Questa proteina è opportunamente chiamata “Draculin” ed è stata mirata come potenziale trattamento per i pazienti con ictus, ha detto Carter.

I pipistrelli vampiri hanno abilità speciali.

Pipistrelli vampiri hanno evoluto una varietà di abilità fisiche per aiutare nella caccia per il cibo. La percezione infrarossa nel loro naso agisce come un sensore di ricerca del calore che permette ai pipistrelli di trovare i vasi sanguigni vicino alla superficie della pelle del loro ospite.

“Stanno anche vedendo il mondo attraverso il suono”, ha detto Carter. “Hanno l’ecolocalizzazione, quindi inviano una sorta di sonar in modo che possano navigare nell’oscurità assoluta.”

E mentre i pipistrelli sono gli unici mammiferi con la capacità di volare, i pipistrelli vampiri sono gli unici animali i cui antenati hanno perso e ri-evoluto la capacità di correre. Mentre altri pipistrelli goffamente navigare superfici piane, il pipistrello vampiro comune può motore lungo sui loro pollici, polsi e gambe a più di tre piedi al secondo. È un’abilità particolarmente utile considerando che è una necessità di intrufolarsi sulla preda addormentata per mangiare.

Hanno relazioni sociali complesse.

Pipistrelli vampiri evoluto complesse relazioni sociali simili agli esseri umani, primati e delfini. Formano associazioni di toelettatura simili all’amicizia con altri pipistrelli nel loro posatoio, ma Carter è particolarmente affascinato dalle loro relazioni di condivisione del cibo.

” non ingrassare. Non immagazzinano energia e possono morire di fame se perdono solo due pasti”, ha detto. “Ma altri pipistrelli nel loro posatoio spesso rigurgitano i loro pasti di sangue proprio come un uccello madre potrebbe rigurgitare cibo ai suoi nidiacei.”

La ricerca di Carter ha dimostrato che i legami di condivisione del cibo vanno oltre i membri della famiglia. “Gli individui che hai nutrito in passato torneranno e ti daranno da mangiare in futuro, quindi i pipistrelli hanno una rete di sicurezza sociale su cui possono contare quando non sono riusciti a procurarsi il cibo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *