L’albero casto, noto anche come chasteberry o Vitex, è il frutto di un piccolo albero arbustivo originario del Mediterraneo e dell’Asia centrale. È stato usato per secoli per un certo numero di condizioni riproduttive femminili tra cui l’infertilità.

L’albero casto è comunemente usato per aiutare nei sintomi della sindrome premestruale (PMS) e della tenerezza del seno (mastalgia). Mentre ci sono state affermazioni che l’albero casto migliora la fertilità, ci sono solo un piccolo numero di studi clinici che esaminano il beneficio dell’albero casto per il miglioramento della fertilità e la prevenzione dell’aborto spontaneo. Si pensa che le proprietà di miglioramento della fertilità dell’albero casto siano dovute alla normalizzazione degli ormoni riproduttivi.

Diamo un’occhiata a ciò che sappiamo veramente

Il frutto essiccato e maturo dell’albero casto viene utilizzato per preparare tinture, estratti fluidi o estratti solidi che vengono messi in capsule e compresse. La dose utilizzata varia ampiamente a seconda della preparazione.

L’albero casto ha dimostrato di avere attività nel cervello inibendo la produzione di prolattina e aumentando la secrezione di melatonina. L’inibizione della prolattina è mediata attraverso i recettori della dopamina. L’albero casto ha anche dimostrato di aumentare la secrezione di LH e ridurre la produzione di FSH.

Attualmente ci sono prove scientifiche limitate che dimostrano che l’albero casto migliora effettivamente la fertilità. Lo studio più comunemente citato è del 1993, pubblicato in Germania (Milewicz et al). Gli autori hanno riportato la normalizzazione dei livelli di progesterone dopo almeno 3 mesi di trattamento. Altri due studi tedeschi che utilizzavano l’albero casto del 1998 e del 2000 non hanno mostrato un miglioramento significativo dei tassi di gravidanza. Sappiamo che elevati livelli di prolattina sono stati associati a disturbi dell’ovulazione, PCOS e difetti di fase luteale – tutte potenziali cause di ridotta fertilità. Normalizzando l’ovulazione, ci può essere un ridotto il rischio di aborto spontaneo.

Effetti collaterali e precauzioni

L’albero casto può causare disturbi gastrointestinali, prurito, eruzioni cutanee, mal di testa e vertigini.

Poiché l’albero casto può alterare determinati livelli ormonali, le donne che assumono preparati ormonali (come pillole anticoncezionali o estrogeni) o hanno una condizione sensibile agli ormoni (come il cancro al seno) dovrebbero evitarlo.

L’albero casto non è consigliato per il paziente sottoposto a trattamento di fertilità con farmaci per l’ovulazione o durante la fecondazione in vitro.

Nelle donne in gravidanza o in allattamento, la sicurezza dell’albero casto rimane non provata in questo momento.

Casto tree non deve essere usato in pazienti che utilizzano altri preparati che alterano la produzione o l’azione della dopamina. Assicurati di discutere questo problema con il tuo medico.

La mia opinione:

In In assenza di un livello elevato di prolattina, è improbabile che l’albero casto sia utile per migliorare / ripristinare la fertilità.

reducing Riducendo i livelli elevati della prolattina, l’albero casto può permettere l’ovulazione normale e la funzione del corpo luteo. Ciò migliorerebbe la produzione di progesterone.

tree L’albero casto non funziona rapidamente. Si può richiedere 3-6 mesi di trattamento prima di miglioramento della fertilità è visto.

tree L’albero casto è in genere sicuro e ben tollerato. Verificare con il proprio medico prima di iniziare albero casto.

As Poiché la sicurezza dell’albero casto durante la gravidanza è incerta, si consiglia di interrompere l’albero casto una volta incinta.

Lettura correlata: Medicina integrativa e fertilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *