“Posso guidare in auto di prima classe sulle ferrovie e nelle strade”, ha scritto il giornalista T. McCants Stewart. “Posso fermarmi e bere un bicchiere di soda ed essere più cortesemente aspettato che in alcune parti del New England.”Forse i commenti di Stewart non sembrano degni di nota. Considera che stava segnalando dalla Carolina del Sud nel 1885 ed era nero.

bhmpleasyvsfergoneplaque

Un marcatore a New Orleans si trova dove Homer Plessy è stato arrestato nel 1892. Il suo caso alla fine ha raggiunto la Corte Suprema degli Stati Uniti e ha portato a una decisione infame creando la dottrina legale di “separato, ma uguale.”(Wikimedia Commons)

Stewart aveva deciso di girare il Sud perché temeva per le libertà dei liberti. Nel 1868, con l’emendamento XIV, la Costituzione aveva finalmente dato agli uomini neri la piena cittadinanza e promesso loro uguale protezione ai sensi della legge. I neri hanno votato, vinto l’ufficio eletto e servito nelle giurie. Tuttavia, 10 anni dopo, le truppe federali si ritirarono dal Sud, restituendolo al dominio bianco locale. E ora, il Partito repubblicano, campione della Ricostruzione e dei diritti dei liberti, era caduto dal potere nazionale. I diritti dei neri sopravviverebbero?

Dopo un paio di settimane sulla strada, Stewart ha deciso che avrebbero. È vero, il terrorismo contro i neri — linciaggio, stupro, incendio doloso-correva incontrollato. È vero che molti neri rurali vivevano sotto un sistema di mezzadria poco meglio della schiavitù. Ma Stewart ha notato molti segni di cambiamento. Ha visto un poliziotto nero arrestare un criminale bianco. Vide i bianchi parlare casualmente con estranei neri. ” La luce del mattino si sta spezzando”, ha detto ai suoi lettori.

Stewart si sbagliava. Nel corso dei prossimi 20 anni, i neri avrebbero perso quasi tutto quello che avevano guadagnato. Peggio ancora, la negazione dei loro diritti e libertà sarebbe resa legale da una serie di statuti razzisti, le leggi Jim Crow.

“Jim Crow” era un termine gergale derisivo per un uomo di colore. Venne a significare qualsiasi legge statale approvata nel Sud che stabiliva regole diverse per neri e bianchi. Le leggi di Jim Crow erano basate sulla teoria della supremazia bianca e furono una reazione alla ricostruzione. Nel 1890 depressione-travasato, il razzismo appello ai bianchi che temevano di perdere il lavoro per i neri. I politici abusato neri per vincere i voti dei poveri bianchi ” cracker.”I giornali hanno alimentato il pregiudizio dei lettori bianchi giocando (a volte anche inventando) crimini neri.

Nel 1890, nonostante i suoi 16 membri neri, l’Assemblea generale della Louisiana approvò una legge per impedire ai bianchi e neri di cavalcare insieme sulle ferrovie. Plessy contro Ferguson, un caso che sfidava la legge, raggiunse la Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1896. Sostenendo la legge, la corte ha detto che le strutture pubbliche per neri e bianchi potrebbero essere ” separate ma uguali.”Presto, in tutto il Sud, dovevano essere separati.

Due anni dopo, la corte sembrava sigillare il destino dei neri americani quando ha sostenuto una legge del Mississippi progettata per negare il voto agli uomini neri. Dato il via libera, gli stati del Sud hanno iniziato a limitare il diritto di voto a coloro che possedevano proprietà o sapevano leggere bene, a coloro i cui nonni erano stati in grado di votare, a quelli con “buoni personaggi”, a coloro che pagavano le tasse di sondaggio. Nel 1896, Louisiana aveva 130.334 elettori neri registrati. Otto anni dopo, solo 1.342, 1 per cento, potrebbe passare nuove regole dello stato.

Leggi Jim Crow toccato ogni parte della vita. Nella Carolina del Sud, i lavoratori tessili in bianco e nero non potevano lavorare nella stessa stanza, entrare dalla stessa porta o guardare fuori dalla stessa finestra. Molte industrie non assumerebbero neri: molti sindacati hanno approvato regole per escluderli.

A Richmond, non si poteva vivere in una strada a meno che la maggior parte dei residenti fossero persone che si potevano sposare. (Non si poteva sposare qualcuno di una razza diversa. Nel 1914, il Texas aveva sei intere città in cui i neri non potevano vivere. Mobile ha superato un coprifuoco Jim Crow: I neri non potevano lasciare le loro case dopo 10 p. m. I segni contrassegnati “bianchi soltanto” o” colorati ” hanno appeso sopra le porte, le finestre del biglietto e le fontane beventi. Georgia aveva parchi in bianco e nero. Oklahoma aveva cabine telefoniche in bianco e nero.

Prigioni, ospedali e orfanotrofi furono segregati così come scuole e college. Nella Carolina del Nord, gli studenti in bianco e nero dovevano usare set separati di libri di testo. In Florida, i libri non potevano nemmeno essere conservati insieme. I tribunali di Atlanta conservavano due Bibbie: una per i testimoni neri e una per i bianchi. Virginia ha detto gruppi sociali fraterni che i membri in bianco e nero non potevano rivolgersi a vicenda come “Fratello.”

Sebbene apparentemente rigido e completo, le leggi di Jim Crow non hanno tenuto conto di tutte le discriminazioni subite dai neri. Le regole non scritte impedivano ai neri di lavorare in bianco a New York e li tenevano fuori dai negozi bianchi a Los Angeles. Umiliazione era circa il miglior trattamento neri che hanno rotto tali regole potevano sperare. Gruppi come il Ku Klux Klan, che rianimò nel 1915, usarono veleno e violenza per mantenere i neri “al loro posto.”

Più di 360.000 uomini neri servirono nella prima guerra mondiale.Il paese li accolse a casa con 25 grandi rivolte razziali, le più gravi di Chicago. La folla bianca ha linciato i veterani in uniforme. I neri americani hanno reagito. La National Association for the Advancement of Colored People, fondata nel 1909, e la Urban League pubblicizzarono gli abusi e lavorarono per la riparazione.

bhmschoolsegretation

I manifestanti marciano contro la segregazione scolastica. (Wikimedia Commons)

Anche se hanno attirato il sostegno di entrambe le razze, questi gruppi a malapena arginato la marea. Il 1920 e ‘ 30 prodotto nuove leggi Jim Crow. Nel 1944, uno svedese in visita nel Sud dichiarò la segregazione così completa che i bianchi non vedevano i neri se non quando venivano serviti da loro.

Ma la seconda guerra mondiale ha cambiato l’America, dentro e fuori. Il legame tra la supremazia bianca e la “razza maestra” di Hitler non poteva essere ignorato. Jim Crow ha scioccato i delegati delle Nazioni Unite che hanno riferito a casa della pratica. ” La discriminazione razziale fornisce grist per i mulini di propaganda comunista”, ha detto un portavoce del governo. “Suscita dubbi anche tra le nazioni amiche circa l’intensità della nostra devozione alla fede democratica.”

Nel 1948, il presidente Harry Truman intraprese un’azione decisiva per promuovere l’uguaglianza razziale. Ha esortato il Congresso ad abolire la tassa di sondaggio, far rispettare le pratiche di voto e di assunzione e porre fine al trasporto di Jim Crow tra gli stati. Quattro stati del Sud hanno abbandonato il Partito Democratico di Truman per protesta. Quindi, come comandante in capo, Truman ordinò la completa integrazione delle forze armate. Non ha spazzato via il razzismo, ma, addestrato a obbedire ai comandi, gli ufficiali hanno rispettato come meglio potevano. In Corea, durante gli 1950, le forze statunitensi integrate hanno combattuto la loro prima guerra.

Tornato a casa, quando la nuova amministrazione Eisenhower minimizzò i diritti civili, i tribunali federali presero il comando. Nel 1950, la NAACP decise di sfidare il concetto di ” separato ma uguale.”Stufo di scuole povere e sovraffollate, i genitori neri della Carolina del Sud e della Virginia hanno fatto causa per far entrare i loro figli nelle scuole bianche. Entrambe le volte, i tribunali federali hanno confermato la segregazione. Entrambe le volte, i genitori hanno fatto appello. Nel frattempo, in un caso simile, la Corte Suprema del Delaware ordinò a un distretto di ammettere gli studenti neri nelle scuole bianche fino a quando non fossero state fornite aule adeguate per i neri. Questa volta, il distretto ha fatto appello.

La Corte Suprema ha accettato di considerare questi tre casi in combinazione con un altro. A Topeka, Kansas, dove le scuole per neri e bianchi erano ugualmente buone, Oliver Brown voleva che sua figlia di 8 anni, Linda, frequentasse una scuola vicino a casa. La legge statale, tuttavia, impediva alla scuola bianca di accettare Linda perché era nera.

Il 17 maggio 1954, allo scoccare del mezzogiorno, i nove giudici della Corte Suprema annunciarono la loro decisione unanime nei quattro casi, ora raggruppati come Brown v. Board of Education. Sostenevano che la segregazione razziale dei bambini nelle scuole pubbliche, anche in scuole di uguale qualità, danneggiava i bambini delle minoranze. “Le strutture educative separate sono intrinsecamente disuguali.”La pratica ha violato il 14 ° emendamento della Costituzione e deve fermarsi. Per alcuni, il giudizio sembrava la fine fruttuosa di una lunga lotta. In realtà, la lotta era appena iniziata.

Per la discussione e la scrittura

  1. Immagina di essere nato nero nel 1860 e vissuto fino al 1920. Avreste fiducia nel sistema legale degli Stati Uniti? Nel “modo di vivere americano”? Perché o perché no?
  2. In che modo le leggi di Jim Crow hanno influenzato l’immagine americana all’estero? In che modo la nostra politica estera ha avuto un impatto sull’uguaglianza razziale in patria?
  3. La maggior parte delle leggi hanno lo scopo di promuovere il benessere generale o proteggere la società da un male. Le leggi di Jim Crow servivano a questi scopi? Se sì, come? In caso contrario, qual era il loro scopo?
  4. Sotto Jim Crow, le strutture nere erano spesso di qualità molto più scarsa di quelle riservate ai bianchi. Separare raramente significava uguale. Se neri e bianchi avessero ricevuto parità di trattamento, le leggi di Jim Crow sarebbero state giuste?
  5. “Non credo che tu possa cambiare il cuore degli uomini con leggi o decisioni”, ha detto una persona che si è opposta alla corte ha ordinato la desegregazione. Sei d’accordo con la dichiarazione? È un motivo valido per continuare la segregazione?
  6. Leggi il 14 ° emendamento e spiega come la Corte Suprema lo ha usato per non consentire la segregazione nella decisione Brown. Perché la Corte non l’ha usato per lo stesso scopo in Plessy contro Ferguson?

Per ulteriori letture

Packard, Jerrald M. American Nightmare: La storia di Jim Crow. New York: St. Martin’s Press. 2002.

Chafe, William H. Ricordando Jim Crow: gli afroamericani raccontano la vita nel Sud segregato. New York: La Nuova Stampa. 2001.

Torna alla pagina iniziale del mese della cronologia nera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *