John Amos è meglio conosciuto per aver interpretato il padre James Evans Sr. nel classico 1970s sitcom Good Times. Mentre alla fine è stato lasciato andare, ha continuato a riprendersi con ruoli memorabili nella miniserie originale Roots, e più tardi Venire in America.

In una nuova intervista con Sway in the Morning, l’attore condivide esattamente il motivo per cui è stato licenziato dal suo show televisivo di successo, dicendo che il suo desiderio di rendere i bei tempi più autentici produttori sfregati nel modo sbagliato.

” La verità è stata quando è iniziato lo spettacolo, non avevamo scrittori afroamericani nello show, e alcuni degli atteggiamenti che avevano scritto, come per il mio personaggio e, francamente, anche per alcuni degli altri personaggi, mi hanno fatto dire, ‘Uh uh, non possiamo farlo, non possiamo farlo.’E dicevano,’ Cosa vuol dire che non possiamo fare questo?'”

Amos ha continuato, “Continuavano a parlare dei loro crediti e del resto e guardavo ognuno di loro e dicevo:’ Beh, da quanto tempo sei nero? Questo non succede nella comunità. Non la pensiamo così. Non ci comportiamo in questo modo. Non lasciamo che i nostri figli lo facciano.'”

Il veterinario del settore ha ammesso di non aver espresso le sue rimostranze nel modo più professionale, il che ha portato il suo personaggio ad essere ucciso e lui ad ottenere lo stivale.

“Ho lasciato perché mi è stato detto che i miei servizi non erano più necessari perché ero diventato un ‘elemento dirompente.” In altre parole, non avevo la diplomazia che penso di aver coltivato negli ultimi 10 o 15 anni”, ha confessato Amos. “Essendo nato a Newark, cresciuto a East Orange, ho avuto un modo di esprimere le mie differenze rispetto alla sceneggiatura che non erano accettabili per lo staff creativo. Voglio dire, gli scrittori si sono stancati di vedersi minacciare la vita per le battute.”

L’attore ha continuato, “Così Norman mi aveva chiamato un giorno e ha detto, ‘John, condividerò due cose con te: La buona notizia è che lo spettacolo è stato raccolto per altri 24 episodi’ – che era un dato di fatto perché eravamo nella top 10— ‘ La cattiva notizia è che non sarai con noi. Allora ci fu una lunga, lunga pausa e Norman disse: ‘Sei ancora lì?”Ho detto,” Sì, sono ancora qui. Ma non lo ero. Non ero più con lo spettacolo.”

Controlla l’intervista completa qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *