Tecnicamente parlando, Linus Carl Pauling ha fallito il liceo, anche se era ferocemente intelligente.

All’età di 15 anni – questo sarebbe stato nel 1916 – aveva guadagnato abbastanza crediti liceali per vincere l’ammissione alla Oregon State University. Tuttavia, poiché non aveva completato due corsi di storia americana obbligatori, la scuola si rifiutò di dargli un diploma.

È stato finalmente presentato con l’importantissimo pezzo di carta 45 anni dopo, a quel punto è stato probabilmente un gesto ridondante. Dopo tutto, da allora Pauling aveva vinto due premi Nobel, ed è stato generalmente considerato come uno dei più importanti scienziati di tutti i tempi.

Pauling-nato nella città statunitense di Portland, Oregon, nel 1901 – è una delle sole quattro persone a ricevere due Nobels, e uno dei soli due a raggiungere l’impresa in campi completamente diversi.*

Il suo primo premio, nel 1954, fu in chimica. Il suo secondo, otto anni dopo, fu il Premio per la Pace, che riconosceva un energico impegno per il disarmo nucleare iniziato nel 1946 quando entrò a far parte di un’organizzazione chiamata Comitato di emergenza degli scienziati atomici, insieme ad Albert Einstein, Bertrand Russell e un piccolo gruppo di altri eminenti ricercatori.

Come chimico, il lavoro di Pauling era veramente fondamentale in campi lontani come la chimica organica e la biologia molecolare. Per esempio, la sua ricerca è servita come base di successive indagini di Francis Crick, Rosalind Franklin e James Watson che hanno portato alla scoperta della struttura del DNA.

È regolarmente incluso nelle liste dei grandi scienziati di tutti i tempi, ma se non fosse stato per un’esperienza casuale durante la sua infanzia la sua vita potrebbe aver preso una forma completamente diversa.

Dopo la nascita di sua sorella, Pauline, i genitori di Linus Pauling sradicarono la famiglia e, dopo un paio di fermate intermedie, si trasferirono nella città dell’Oregon di Condon. A quel punto una seconda sorella, Lucile, si era unita alla famiglia.

Suo padre, Herman, era un venditore ambulante e in seguito proprietario di una farmacia, che morì per un’ulcera perforata quando Linus aveva solo nove anni, lasciando sua madre, Lucy, a crescere la famiglia.

Un giorno, quando aveva circa 10 anni, ha visitato un amico, che è capitato di giocare con piccolo kit chimica. Pauling fu immediatamente estasiato e da quel momento non sognò altro che diventare un chimico. (L’amico, Lloyd Jeffress, ha continuato a diventare un professore di psicologia sperimentale presso l’Università del Texas.)

Spinto in azione, e mentre ancora a scuola, Pauling e un altro compagno istituito un laboratorio in uno scantinato e si offrì di eseguire test di qualità sul grasso butirrico per i produttori di latte locali. Non è stata un’impresa di successo.

Al fine di mettersi attraverso l’università, Linus ha preso una varietà di posti di lavoro, tra cui lavorare come rivenditore di alimentari, un macchinista e uno sviluppatore fotografico. Nel campus, si distinse rapidamente, ed è stato offerto posizioni di insegnamento prima ancora di guadagnare la sua prima laurea. Dopo aver lasciato Oregon State è andato a Caltech e ha ricevuto il suo dottorato di ricerca in chimica fisica e fisica matematica.

Quando morì nel 1994, Pauling aveva pubblicato più di 1.200 libri e articoli. Nonostante il suo successo, e la sua volontà di campagna dura per le cause in cui credeva, non era senza i suoi critici.

La differenza tra genio ed eccentricità è a volte difficile da distinguere e nei suoi ultimi anni, a seguito di un attacco di malattia renale, è diventato sempre più ossessionato dal ruolo delle vitamine nel trattamento della malattia.

È quasi interamente a causa della sua difesa che oggi la vitamina C è saldamente associata a una buona salute. A volte quella difesa attraversava il confine tra scienza e ossessione. Per tutta la seconda metà della sua vita ha continuato a suggerire che alte dosi di vitamina C potrebbero curare il cancro, nonostante molti studi non abbiano trovato prove a sostegno della tesi.

Nonostante questo, tuttavia, oggi è ricordato principalmente come un brillante ricercatore che ha dato contributi molto reali e sostanziali ad aree diverse come la meccanica quantistica e la medicina. La sua memoria è onorata attraverso gli Stati Uniti e oltre. Oregon ha un giorno festivo che porta il suo nome, che adorna anche diverse strade in vari stati, un centro di ricerca presso l’Università di Oxford nel Regno Unito – e un asteroide che orbita intorno al sole ogni 926 giorni.

*Marie Curie era l’altra, nel caso ve lo steste chiedendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *